Home / Articoli / Studi clinici sulla depilazione laser







Girando sul web ci sono moltissime informazioni riguardo i vari aspetti della depilazione laser ma non abbiamo trovato nessun articolo che parlasse specificatamente di studi clinici riguardante la depilazione laser. Di seguito una tabella riassuntiva sull’efficacia di ciascuna tipologia di trattamento laser a seconda della tecnologia utilizzata:

 

Laser Nd:YAG

Ci sono principalmente 2 tecnologie:

  • Q-switched with carbon-based lotion

Le pubblicazioni mediche recenti  riguardo l’utilizzo del laser  Nd:YAG with the carbon lotion riportano una percentuale variabile dal  27% al 66% a distanza di 3 mesi dopo un solo trattamento. Uno studio su 15 soggetti riporta che che il laser  Nd:YAG è più efficace e meno doloroso se comparato all’omologo trattamento con laser alexandrite.


 

  • Laser Nd:YAG ad impulsi lunghi

Un studio clinico su 15 soggetti riporta una riduzione del vello del 59% dopo un trattamento, analisi svolta a 3 mesi dall’applicazione.

 

 

Laser a Rubino

Ricerche con un controllo a breve termine osservano un’efficacia variabile dal 20% al 60% ad una distanza temporale di 90 giorni dal trattamento. Anche se gli effetti collaterali sono generalmente rari sono stati segnalati casi di depigmentazione della cute in una percentuale variabile dal 1 al 10%. Alcuni casi piu’ comuni di legera ombreggiatura della pelle che hanno però avuto un decorso lungo.

 

 

Laser Alexandrite

E’ stato condotto uno studio a breve termine su 130 soggetti femminili  che hanno subito una media di 8 trattamenti facciali in una finestra di 18 mesi. I ricercatori hanno osservato una riduzione della peluria scura 75% a 3 mesi e di circail 10% per la peluria chiara. Su un campione di 150 pazienti con pelle olivastra (fototipo IV-VI)ci sono stati degli effetti collaterali pari al 2% dei pazienti trattati.

 

 

Laser a diodo

Osservazioni su un grupp ristretto di pazienti ha evidenziato che il 60% di essi ha avuto una rada ricrescita  ad una distanza di 9 mesi dal trattamento e che il 30% ha avuto com eeffetto collaterale una pigmentazione tempranea della cute.